CORSO BABY  – Acquaticità dai 3 ai 36 mesi di età

Per i bambini stare in acqua è sicuramente un gran divertimento.

La presenza in vasca di un genitore, fa si che si possa raggiungere un duplice scopo: da una parte la realizzazione di un adattamento all’acqua, dall’altra un’esperienza di gioco con il genitore in un ambiente nuovo e stimolante.

La piscina diventa cosi’ uno strumento per rafforzare il legame genitore/bambino. I genitori infatti acquisiscono un ruolo importante, perché i bambini imparano per imitazione.

Da una mamma o un papà che si mostrano sereni e sicuri, un bambino capirà che non avrà nulla da temere. 

La mamma che si immerge ed incoraggia il proprio piccolo, lo aiuta ad acquistare sicurezza nelle sue capacità ed in futuro avrà con l’acqua un rapporto più disinvolto.

L’età minima per l’approccio con l’acqua della piscina per un neonato è intorno ai 3 mesi. Per il neonato andare in apnea in acqua è un’azione istintiva. Da un punto di vista medico, non ci sono indicazioni né controindicazioni ad iniziare sin dai primi mesi di vita ad immergere in vasca i neonati, a patto che chiaramente, al neonato piaccia stare in acqua.

E’ sempre bene ricordare comunque, che non si diventa “campioni” semplicemente entrando in piscina in tenera età e che un bambino avrà un buon rapporto con l’acqua se i genitori saranno riusciti a trasmettergli sensazioni piacevoli.

SUGGERIMENTI PER I GENITORI e/o ACCOMPAGNATORI DEI BAMBINI

  • Per il bambino è richiesto l’utilizzo di un costumino contenitivo.
  • L’uso della cuffia è obbligatoria per il genitore a partire dal 12 mese di età.

 

Per orari, prezzi e altre info
clicca sul menu
ORARI E PREZZI - CORSI

Informazioni aggiuntive